KARAMAZOV

liberamente tratto da I fratelli Karamazov di Fëdor Dovstoevskij

 

 

adattamento e regia César Brie

 

in scena César Brie, Daniele Cavone Felicioni,

Gabriele Ciavarra,Clelia Cicero, Manuela De Meo,

Giacomo Ferraù, Federico ManfrediPietro Traldi,

Adalgisa Vavassori

 

musiche Pablo Brie, Pietro Traldi

scene Giancarlo Gentilucci

costumi Mia Fabbri

disegno luci Paolo Pollo Rodighiero, Sergio Taddo Taddei

pupazzi realizzati da Tiziano Fario

 

produzione ERT Emila Romagna Teatro Fondazione

 

 

 

durata: 130 minuti

 

 

 

NOTE DI REGIA

 

I fratelli Karamazov è l’ultimo romanzo di Dostoevskij.

Morì solo qualche mese dopo averlo ultimato. In esso emergono i temi cha hanno assillato lo scrittore per tutta la sua vita:

la fede, la passione, il vizio, l’amore, la giustizia. Nel romanzo sono i bambini i protagonisti occulti di riflessioni, ricordi e pentimenti, anche se presenze spesso mute e silenziose, inermi.

Vediamo l’infanzia dei tre fratelli, orfani, abbandonati, sballottati in case diverse.

Ivan, nel Grande Inquisitore argomenta il suo pensiero scettico e la sua critica alla fede cristiana attraverso la denuncia della sofferenza dei bambini.

Dimitrij, dopo il suo primo interrogatorio, è assalito in sogno da questa domanda: “Perché piange quel bambino?” E questa domanda

gli da, per la prima volta in tanto tempo, sollievo e pace. 

Aleksej chiude il romanzo con un discorso rivolto ai bambini pregando loro di non dimenticare l' infanzia una volta adulti perché è nel ricordo di quel momento della vita che ciascuno può trovare la salvezza.

 

L'allestimento è essenziale, fatto di elementi scenici dalla forte cifra suggestiva ed evocativa: semplici corde che delimitano gli spazi, grucce sospese a fili pronte a trasformarsi in croci, fili a cui gli attori si agganciano come esseri legati al caso, al destino, pupazzi-bambini, protagonisti nascosti della storia, e panche che diventano tavoli, tombe, dietro cui sparire o da cui riaffiorare.

César Brie

 

“In Karamazov c'è tutto il grande teatro per uno spettacolo favoloso”.

 

Patrizia Pertuso - Metro

 

 

“Due ore ad altissima densità emotiva. La vita che si porta dentro questo

spettacolo è un regalo prezioso. Da maneggiare con cura”.

Sara Chiappori - La Repubblica

 

 

“Questo spettacolo fa navigare l'anima”.

 

Massimo Marino - Corriere di Bologna

 

 

“Due ore ad altissima intensità”.

 

Agnese Doria - L'Unità

 

 

“Un gruppo di attori di altissimo livello, molto bravi nell'uso della voce e

soprattutto del corpo: mimi, acrobati, musicisti capaci di passare da un registro

all'altro con sorprendente disinvoltura”.

 

Claudio Gavioli - La Gazzetta di Modena

 

Show More

 

Vincitore del “Premio Teatro del Mundo 2013” di Buenos Aires come Miglior Spettacolo Straniero

Candidato per la Miglior Regia al Premio UBU 2012

Più di 150 repliche tra Italia e Argentina

 

 

Nei personaggi dell’ultimo romanzo di Dostoevskij, completato qualche mese prima di morire, César Brie 

rintraccia tutti gli aspetti dell’animo umano - la passione e l’istinto (Dmitrij), la ragione e il dubbio (Ivan), la bontà e la purezza (Aleksej), il risentimento e la vendetta (Smerdjakov), la cattiveria, il sentimentalismo, l’egoismo e l’edonismo (Fëdor il padre), la santità (lo Starets) - e tematiche come la delusione verso il mondo cattolico, i dogmi sulle idee del divino, la giustizia sociale e il fallimento dei miti della salvezza dell’uomo, tutti affrontati con umorismo e delicatezza. 

 
 

Foto

Ilaria Scarpa, Chiara Caputo, Gabriele Ciavarra

 
 
  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • YouTube - Black Circle

2014/2018 by Gabriele Ciavarra

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now