InDOLORE

 

testo e regia César Brie

 

in scena Adalgisa Vavassori e Gabriele Ciavarra

 

musiche Pietro Traldi

scene e costumi Paola Tintinelli

disegno luci César Brie

 

produzione Teatro Presente / Campo Teatrale

uno spettacolo di Teatro Presente

 

 

Si ringraziano gli attori del Teatro de los Andes con i quali

questa ricerca ebbe inizio.

 

 

 

 

durata  60 minuti

 

NOTE DI REGIA

 

Due sposi entrano in casa dopo le nozze come nelle fiabe. La sposa attraversa la porta tra le braccia del marito.

Tutti gli oggetti sono incartati. Scartano tutto, chiedendosi come sarà la loro vita insieme.

La casa che costruiscono è un ring di pugilato. Uno spazio chiuso in cui si alternano combattimenti e tregue di un amore che

il tempo, l'abitudine, le frustrazioni e l'incapacità di comunicare trasformano in un luogo di violenza.

La violenza domestica attraversa tutte le classi sociali, è un fenomeno così diffuso quanto poco denunciato e per il quale le vittime soffrono di uno stato di impotenza estrema.

Non c'è una ragione che spieghi la violenza domestica.

Forse l'intimità sessuale fa attraversare una soglia. Al di là di quella soglia il partner è vissuto come proprietà, come oggetto su cui scaricare le proprie frustrazioni. Spesso dietro la violenza si cela un amore malato, frustrato, talvolta un'oscena richiesta di aiuto.

La donna e i figli sono vittime dell'uomo che a sua volta è vittima di se stesso. Non esiste difesa possibile.

I regolamenti del pugilato dicono che non è lecito colpirsi se il peso di uno supera di sei chili il peso dell'altro;

il ring, il quadrilatero é la metafora di una casa di famiglia che diventa un luogo chiuso dal quale non si esce se non sconfitti, feriti, o morti.

Nello spettacolo la violenza non è mai esplicita. Si tratta di un poema amaro su quanto accade troppo spesso tra le mura domestiche, un tentativo di evocare nel pubblico quel lato oscuro in cui tutti possono trovare qualcosa di sè.

 

César Brie

 

 

"Una danza macabra sul ciglio di un abisso dove la prevaricazione ha tante facce”

 

Sara Chiappori - Repubblica

 

 

“César Brie è un artista scomodo e coraggioso, umile e lungimirante,

un uomo che ha sofferto e che continua a soffrire per tutti noi.

Allora seguiamolo nel suo cammino di ricerca della verità. Non ce ne pentiremo sicuramente”

 

corrieredellospettacolo.com

 

 

“Le partiture di movimento e le acrobazie sceniche, faticose, 

  sono sviluppate dai due interpreti,Adalgisa Vavassori e Gabriele Ciavarra,

 commoventi e sfaccettati, con estrema facilità e leggerezza..”

 

Antonella Vercesi - sipario.it

 

 

“Lo spettacolo ci fa sentire vicini al carnefice: alle sue piccolezze, ai suoi disagi

e all'incapacità di fermarsi e alla di lui vittima. Che non denuncia, che non scappa,

che non trova il coraggio di abbandonare, ma si illude e ogni volta ricomincia”

 

donnamoderna.com 

 

 

 
Show More
 

foto

Foto

Micol Doppio e Mariana Fossati

 
 
  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • YouTube - Black Circle

2014/2018 by Gabriele Ciavarra

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now