“Se il chicco di grano caduto nella terra non muore rimarrà solo,

ma se muore ci sarà il raccolto."

 

Da questa frase, contenuta nella prefazione de “I fratelli Karamazov” di Fëdor Dostoevskij, tutto è nato.

 

                    è una compagnia indipendente fondata da sette giovani attori, scelti nel 2011 da César Brie nell'ambito di un Cantiere delle Arti promosso da ERT - Emilia Romagna Teatro. Sotto la guida del regista argentino il gruppo inizierà quell'anno un lungo periodo di lavoro insieme che si concluderà con la realizzazione di KARAMAZOV, con il quale la compagnia sarà in tournée dal 2012 al 2015 in Italia e in Argentina.

Lo spettacolo verrà candidato al “Premio Ubu 2012” per la Miglior Regia e vincerà il “Premio Teatro del Mundo 2013” di Buenos Aires come Miglior Spettacolo Straniero.

 

A partire da questa esperienza il gruppo si  consolida e decide di fondare nel 2013 la compagnia Teatro Presente realizzando sempre con il regista sudamericano IL VECCHIO PRINCIPE (2012) , InDOLORE (2013), LA MITE (2014) ed ORFEO ED EURIDICE (2014), spettacoli immersi nell’attualità, che interrogano i classici per parlare del presente.

Tutti gli spettacoli della compagnia sono stati in tournée in Italia e in Argentina, recitati in due lingue.

 

In un momento storico così privo di punti di riferimento e di continuità lavorativa, abbiamo condiviso un tempo di nel quale maturare una consapevolezza teatrale grazie al metodo del nostro maestro César Brie.

“Ogni giorno creavamo immagini, spingevo gli attori a fare poesia col proprio corpo, collegando azioni a testi che poi avremmo elaborato. Insegnavo loro a non descrivere, ma a svelare. Ci siamo allenati a improvvisare. Improvvisare significa, per noi, imparare a stare in scena in modo sereno, seguendo regole che riguardano l’uso dello spazio scenico e i rapporti tra gli attori .

Ho allenato gli attori a liberarsi di me, del regista e del maestro”.

César Brie

 

Abbiamo sempre partecipato alla creazione degli spettacoli, prescindendo da chi sarebbe stato protagonista effettivo sulla scena e chi solo occhio esterno.

Un valore di uguaglianza e un desiderio di partecipazione che ci ha resi uniti e che ha consolidato il gruppo che oggi è Teatro Presente.

 

Consolidando la sua presenza sul mercato italiano ed estero e rafforzando la parte organizzativa e gestionale del gruppo grazie alla collaborazione con l’organizzatrice Carolina Pedrizzetti, nel 2015 Teatro Presente, insieme alle compagnie

Teatro Dei Gordi e Compagnia Oyes, vince con il progetto T.R.E. – Teatro in rete per emergere il bando “Funder 35 – il fondo per l’impresa culturale giovanile”.

 

Nel marzo 2015 Teatro Presente e César Brie si salutano abbracciandosi ad un bivio.

 

“Siamo riconoscenti e grati a César per tutto quello che ci ha insegnato.

Karamazov è stata una lezione di teatro meravigliosa, vera, viva fino all'ultimo applauso.

E adesso vivrà in noi per sempre.

Anche se su strade diverse continueremo a riconoscerci nella bellezza del cammino”.

T.P.

 

Attualmente il gruppo è impegnato nella creazione di THE HARD WAY TO UNDERSTAND EACH OTHER, uno spettacolo che rappresenta un momento di cesura e allo stesso tempo di continuità. La volontà di prendere ora in mano totalmente la direzione artistica della compagnia e la responsabilità di ciò che si mette in scena, ponendo come forte base gli insegnamenti e la poetica del maestro.

 

Noi, per lo più trentenni, rappresentiamo una generazione che ha deciso di agire in questo tempo pensando ad una Compagnia che possa permettere a ciascuno di maturare affinché il proprio talento, fondendosi con quello degli altri, si trasformi in parte integrante di una creazione comune, necessaria.

 

 

Il nostro tempo è il tempo presente,

il tempo della trasformazione all’interno del quale noi siamo attivi e desideriamo creare.

 

  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • YouTube - Black Circle

2014/2018 by Gabriele Ciavarra

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now